Smaltimento toner e cartucce

Il Decreto Legislativo 152/06 (ex D.Lgs. 22/97), unitamente alle Direttive CEE 91/156, 91/689, 94/62 regolamentano la gestione dei rifiuti di qualunque genere.
Tra questi viene anche regolamentato il trattamento dei rifiuti speciali non pericolosi da ufficio, siano essi riutilizzabili o non riutilizzabili.
Toner e cartucce esausti sono considerati per legge in maniera differente a seconda del produttore del rifiuto:
Rifiuti Urbani: sono quelli prodotti dai privati e possono essere smaltiti con le stesse modalità con le quali oggi si conferisce il rifiuto domestico;
Rifiuti Speciali: sono quelli prodotti dalle Aziende o titolari di singole Partite IVA. In questo caso il rifiuto deve essere smaltito obbligatoriamente tramite un canale differente che né consenta la completa tracciabilità.

Per poterla mettere in condizione di rispettare la normativa e non incorrere nelle pesanti sanzioni amministrative qui illustrate, proponiamo un servizio di ritiro dei consumabili esausti (inkjet, laser e pellicole fax) ad un costo contenuto di soli € 75,00 + iva. I contenitori aggiuntivi al primo, nello stesso ordine, costano solo € 20,00 + iva. 

Il corrispettivo per il servizio prevede il posizionamento di un ecobox presso la sede operativa del richiedente, il successivo ritiro dell’ecobox su segnalazione del richiedente al centro operativo di AMBIENTA e il rilascio della documentazione obbligatoria ai sensi della vigente normativa ed è da intendersi per ogni singolo servizio di posizionamento e ritiro.

Le misure dell’ecobox sono 33x37x69, e ha una capienza di circa 30 kg. 

SCARICA IL MODULO D'ORDINE

dove potrai trovare anche tutte le modalità operative

SANZIONI AMMINISTRATIVE

per il non corretto smaltimento di toner e cartucce esauste